Il male oscuro

Teatro e medicina in dialogo per conoscere la depressione

Male oscuro, mal di vivere, male dell’anima. La depressione ha assunto molti nomi pur di non farsi riconoscere, eppure secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità sono 300 milioni le persone nel mondo che ne soffrono. Oltre alla lotta interiore, la persona depressa si trova a fare i conti anche con i preconcetti, la vergogna, l’imbarazzo e l’incomprensione nello sguardo della gente che la circonda, impedendole di parlarne e chiedere aiuto. Ma cosa significa vivere con la depressione? Quali sono gli effetti personali e sociali che ne derivano? Imparare a riconoscerla e a parlarne liberamente è il primo passo per poterla affrontare. In un intreccio di voci tra teatro e medicina si cercherà di andare oltre i pregiudizi e comprendere il male oscuro e i suoi effetti.

Intervengono:

Emiliano Albanese, medico, professore USI, esperto di salute pubblica

Dante Carbini, attore

Luca De Peri, medico psichiatra, caposervizio alla Clinica psichiatrica cantonale (OSC)

Piera Serra, psicologa e psicoterapeuta

Moderazione:

Giovanni Pellegri, neurobiologo e responsabile de L’ideatorio


Guarda il programma dell'intero ciclo di incontri.

Pubblico, Conferenze