Cervello VS macchina: cosa ci rende umani?

Dibattito tra esperti e un contributo teatrale

COMUNICAZIONE:
Vista la situazione concernente il COVID-19 in Svizzera, il comitato della Settimana del cervello ha deciso di rinviare gli incontri pubblici del 16 e del 18 marzo 2020 al mese di ottobre.

Cosa distingue un cervello umano da uno artificiale? Quale relazione esiste tra noi e le macchine? Potranno quest’ultime avere coscienza di esistere, sapranno fare arte e provare nostalgia per l’infinito? Una serata promossa in occasione della Settimana del cervello, per riflettere su queste domande, intrecciando l’intervento teatrale di Lucilla Giagnoni «L’algoritmo dell’infinito» a un dibattito con esperti.

Interverranno:

  • Carmine Di Martino, filosofo
  • Luca Gambardella, ingegnere informatico e specialista IA
  • Lucilla Giagnoni, attrice
  • Rosalba Morese, dottore di ricerca in Neuroscienze

Moderazione: Giovanni Pellegri, neurobiologo

«La settimana del cervello» (Brain Awareness Week) è un’iniziativa internazionale che intende sensibilizzare la popolazione sui progressi nell’ambito della ricerca sul cervello, sulle terapie delle malattie neurologiche e psichiatriche e la loro prevenzione. Fu fondata negli Stati Uniti nel 1995 ed è stata in seguito organizzata dalla Society for Neuroscience e dalla Dana Alliance for Brain Initiatives. L’iniziativa è annuale e si tiene, come da tradizione, nella terza settimana di marzo. Nella Svizzera italiana l’evento è coordinato da un comitato scientifico e organizzato in collaborazione con il Neurocentro della Svizzera italiana dell’EOC, l’Organizzazione sociopsichiatrica cantonale (OSC), la Facoltà di scienze biomediche dell’USI, la Clinica Hildebrand e L’ideatorio USI.

Organizzato da

  • /Loghi/SdC_Logo.jpg


Pubblico, Conferenze